Aiutare il tuo bambino ad avere delle buone difese immunitarie è un obiettivo che puoi raggiungere lavorando su più fronti. Il primo di essi è una buona alimentazione.

La capacità di combattere infezioni e malanni di stagione, infatti, non è innata, ma ha bisogno di tempo per svilupparsi e consolidarsi.

Tuttavia, può succedere che soddisfare i fabbisogni giornalieri di nutrienti non basti per assicurarsi una buona copertura. Talvolta è necessario ricorrere all’aiuto di ricostituenti.

Giochi all’aria aperta, cambi di stagione, presenza ravvicinata di altri bambini, manipolazione di oggetti non sterili o permanenza in terreni contaminati da microbi sono tra le occasioni più comuni di esposizione ai germi.

Il corpo umano, quindi, non riconoscendo tali microrganismi al primo contatto, genera una risposta anticorpale. Insieme ad altri accorgimenti riportati nelle prossime righe, vedremo come gli integratori per bambini svolgano un ruolo decisivo durante la crescita.

I suggerimenti di Buona per alzare le difese immunitarie

Se, da una parte, non avere contatti con microrganismi vari è impossibile, puoi fare molto per evitare che questi diventino patogeni per tuo figlio.

La soluzione è, come avrebbero detto alcuni scienziati di fine Ottocento, migliorare il terreno. In altre parole, si tratta di utilizzare gli strumenti giusti per preparare il corpo ad affrontare i prossimi attacchi.

Garantire un adeguato apporto di nutrienti

Soprattutto durante l’infanzia, una dieta corretta favorisce uno sviluppo ottimale ed assicura moltissimi benefici anche a livello immunologico.

Generalmente si consiglia di introdurre carboidrati, proteine, grassi, vitamine, sali minerali e acqua in quantità consone all’età del bambino.

Per definire le giuste proporzioni di nutrienti, chiedi aiuto al pediatra o a un nutrizionista per l’infanzia.

Introdurre gradualmente cibi non raffinati

Al giorno d’oggi, l’automazione industriale ha raggiunto livelli di raffinazione senza precedenti, perfino nel settore alimentare. Le materie prime allo stato grezzo hanno fatto posto a preparati, in qualche modo, già “digeriti”.

Probabilmente anche tu acquisti prodotti del genere, magari in maniera non del tutto consapevole. Anche se l’assimilazione intestinale risulta più veloce, va detto che l’apporto nutritivo è decisamente inferiore.

A risentirne è anche il sistema immunitario, soprattutto in età infantile. Generalmente, aggiungere alimenti allo stato grezzo in piccole quantità ed eliminare prodotti ricchi di grassi idrogenati migliora lo stato di salute. Per delucidazioni, rivolgiti sempre al pediatra.

Dormire bene

Gli effetti di un buon riposo notturno incidono positivamente sul benessere generale e sull’innalzamento delle difese immunitarie, indipendentemente dall’età. Questo vale ancora di più per il tuo bambino.

Di solito, se ha meno di 3 anni può dormire fino a 14 ore, mentre dai 4 ai 12 anni basteranno 11 ore per notte. Tuttavia, la durata da sola non è sufficiente per dare sprint alle difese interne.

In questo caso, di solito basta rendere l’ambiente più confortevole. Temperature adeguate alla stagione, giusto grado di umidità, colori rilassanti (come l’azzurro) conciliano un buon sonno.

Impiegare gli integratori per bambini

Soprattutto in seguito a stati di debilitazione, le vitamine per bambini sono di basilare importanza per una ripresa più rapida. La tendenza odierna è un ritorno ai preparati naturali, appoggiata anche dalla stragrande maggioranza dei pediatri.

Sul sito www.buona.it puoi trovare prodotti a base di vitamina C, echinacea e propoli, cliccando su questa pagina (https://www.buona.it/categoria-prodotto/immunitary-defense). Sono disponibili in spray, sciroppo e gocce, per soddisfare tutte le esigenze.

Evitare i sovraccarichi di impegni

Scuola, nuoto, lezioni di musica… magari equitazione, calcio, ripetizioni di inglese e tanto altro. Sono tanti i bambini con le giornate piene di attività da svolgere, il più delle volte imposte da genitori troppo esigenti.

Se ti riconosci in questa descrizione, è arrivato il momento di allentare la presa e riflettere. Tuo figlio non è un progetto sul quale riversare la realizzazione dei tuoi obiettivi mancati.

Ha una sua personalità, che non necessariamente combacia con la tua. Per lui, assecondarti e compiacerti può essere fonte di stress tanto da danneggiare il suo sistema immunitario. Pensaci, per il tuo ed il suo bene.

Insegnare le norme igieniche di base

La più importante è lavarsi le mani, tassativa dopo ogni minzione o evacuazione. Ma anche tutte le volte che rientri a casa o prima di mangiare.

Dai il buon esempio e fai in modo che tuo figlio impari a massaggiare bene il sapone e a risciacquarlo. Scegli un detergente delicato, per rispettare il pH della sua pelle.

Stare all’aria aperta

Trova più occasioni che puoi per passeggiare o per farlo giocare, da solo o in compagnia degli amichetti, nelle aree lontane dal traffico cittadino.

Respirare aria pura e il contatto con la luce favoriranno un’adeguata ossigenazione dei tessuti e un miglioramento della sintesi di vitamina D.

Non limitarti, quindi, ai bagni di sole estivi. Nei limiti del possibile, porta il tuo bambino fuori casa anche d’inverno, quando raffreddori, crisi di tosse e influenze mettono a dura prova l’organismo.

Se le sue vie respiratorie hanno bisogno di rinforzi, dai un’occhiata qui (https://www.buona.it/categoria-prodotto/vie-respiratorie/). Flaconcini, spray e sciroppi sono a tua disposizione per alleviargli i sintomi più fastidiosi e fargli riprendere vigore.

Indagare su altre cause

Può succedere che un abbassamento delle difese immunitarie sia la spia di qualcos’altro. Se queste raccomandazioni non bastano per migliorare la situazione, consulta il tuo pediatra di fiducia o uno specialista di malattie dell’infanzia.


Senza dubbio sarà capitato a tutti quanti di avere la famosa tosse, una malattia parecchio diffusa e soprattutto fastidiosa.
In realtà non si tratta affatto di una patologia, è infatti uno dei sintomi di tanti possibili disturbi.

In questo articolo analizzeremo più da vicino alcune delle cause della tosse dei bambini, i rimedi più comuni ed infine alcuni prodotti utili per la guarigione.

La tosse, cos’è e per quale motivo i bambini ne soffrono così spesso

Prima di scoprire i rimedi per combattere questo disturbo, bisogna conoscerne almeno in parte le motivazioni che ne comportano la comparsa: cos’è la tosse?

La tosse è un riflesso che spinge il bambino ad espellere in maniera brusca l’aria. Questo genere di fastidio è molto diffuso poiché non si tratta di una malattia in sè, bensì di un sintomo di tante patologie o di un semplice inconveniente causato dalle impurità nell’aria.

Infatti la tosse può manifestarsi anche quando l’aria circostante è contaminata da sostanze irritanti per la gola che, come tali, comportano l’inizio del malessere. Questa sensazione che porta ad un bisogno impellente di buttare fuori con forza l’aria può essere causata anche da allergie, polveri o problemi respiratori.

Per quale ragione la tosse si manifesta molto più di frequente nei bambini? La risposta a tale domanda è davvero semplice, si tratta infatti di una condizione dovuta alla resistenza del bebè, non a caso durante la più piccola età sono tanti i prodotti o gli oggetti che possono irritare la gola in quanto parte estremamente sensibile del corpo.

Inoltre il riflesso involontario della tosse può essere dovuto da alimenti che sono rimasti incastrati in gola e ne comportano una respirazione poco efficace.

Nel peggiore dei casi questo disturbo è dettato da altre patologie, tra le più comuni abbiamo ad esempio: la Pertosse, la Laringite o l’Asma bronchiale.

I primi due disturbi insorgono in maniera molto rapida durante i periodi invernali poiché si tratta di malattie causate da batteri molto contagiosi, a causa del freddo in inverno il rischio di ammalarsi è maggiore e tutto ciò può influire non poco sulla salute del bambino.

Per quanto riguarda il terzo malessere, le cause dell’insorgenza possono essere diverse, a volte anche di grave entità. In ogni caso prima di somministrare farmaci antibiotici o cure al bambino è assolutamente necessaria una visita accurata dal proprio pediatra così che possa analizzare al meglio quelli che sono i sintomi e le possibili cause del malanno.

Rimedi per la tosse, quali sono i migliori?

Questo disturbo delle vie respiratorie può durare anche per diverso tempo, bisogna infatti distinguere due tipologie di tosse: quella classica e quella cronica.

Mentre la prima arriva a durare un massimo di 21 giorni poiché scatenata da eventi di lieve entità, la seconda invece potrebbe protrarsi, superando anche le 7 settimane.

Ovviamente un problema del genere può affaticare parecchio la quotidianità del bambino, proprio per tale ragione è necessario trovare dei rimedi ottimali affinché torni in salute il prima possibile.

Tra questi vi sono alcune soluzioni che sono alla portata di tutti, eccone un paio.

Idrata continuamente il tuo bimbo con liquidi caldi, si tratta di una delle soluzioni più efficaci affinché il bimbo torni velocemente in salute, la tosse può infatti essere causata dall’accumulo di catarro nelle vie respiratorie.

Idratando per bene il tuo bambino con tisane e latte ben riscaldati potrai aiutarlo nell’eliminazione di queste sostanze irritanti per la gola e favorire la sua ripresa.

Fai in modo che l’ambiente risulti umido e ben caldo, infatti secondo recenti studi, una delle possibili cause della tosse nel bambino è proprio la scarsa idratazione delle vie respiratorie, per tale ragione devi assicurarti che l’ambiente in cui riposa o in cui soggiorna normalmente sia umido dal 40 al 60%.

Un altro modo per alleviarne la durata potrebbe essere quello di metterlo a contatto con ambienti ricchi di vapore, quest’ultimo ha infatti una doppia azione, funge da repellente per le sostanze tossiche ed idrata le vie respiratorie facilitandone il corretto funzionamento.

Se il tuo bambino soffre di tosse, potrebbe essere una buona idea quello di farlo soggiornare un po’ a casa e ritirarlo momentaneamente dalle attività sportive per due ragioni: in primis potrebbe contagiare il disturbo da cui deriva la tosse ad altri bambini ed inoltre l’esposizione a temperature fredde potrebbe causare una maggiore disidratazione delle vie respiratorie peggiorandone il disturbo.

Prodotti utili per una rapida guarigione del bambino

Sono davvero tante le cause che possono favorire lo sviluppo della tosse nel bambino, tuttavia sono altrettante le possibili soluzioni a tale problema.

Prima di tutto potresti provare i prodotti Buona che sono in grado di alleviare il fastidio generato dalla tosse, tra questi potrai trovare i migliori qui: https://www.buona.it/categoria-prodotto/immunitary-defense/

Inoltre potrebbe essere molto utile per la guarigione del bambino l’assunzione di vitamine e minerali che agevolano parecchio il corretto funzionamento del suo organismo. Per maggiori informazioni puoi consultare il nostro sito: https://www.buona.it/categoria-prodotto/vitamine-minerali/ dove troverai rimedi naturali ed efficaci adatti per il tuo bambino ma, se la tosse persiste, chiedi sempre un parere medico o fissa un appuntamento presso il tuo pediatra di fiducia.


Vitamine per bambini

Se hai un figlio conoscerai sicuramente l’importanza di una corretta assunzione delle vitamine, le quali sono capaci di garantirgli una crescita ottimale e senza complicazioni.
Queste preziose sostanze favoriscono infatti il pieno sviluppo psico-fisico, ma dato che non sempre viene assunta la quantità sufficiente tramite la dieta, gli integratori si rivelano un valido alleato.

Le vitamine più importanti per i bambini

Le vitamine più importanti per i bambini sono sicuramente la B1 e la B2, le quali contrastano efficacemente la sensazione di stanchezza e migliorano l’attività muscolare; si trovano nella frutta con la buccia e nella verdura.
Le vitamine B3 e B6 aiutano invece a curare e a rinnovare la pelle, specialmente durante l’estate, quando l’esposizione ai raggi solari è maggiore.
I cibi ricchi di queste ultime sono i cereali integrali, l’avocado, i peperoni, gli spinaci e i broccoli.
Non deve nemmeno mancare la B12 per un corretto sviluppo dei globuli rossi e del sistema nervoso; sono ricchi di questa vitamina il pesce azzurro, i latticini, i molluschi e le uova.
La vitamina C è invece capace di sintetizzare il collagene e stimolare il corretto funzionamento del sistema immunitario, mentre la D aiuta ad assorbire il calcio e il fosforo da reni e intestino.
Pertanto, oltre agli integratori per bambini, è fondamentale variare il più possibile il regime alimentare di tuo figlio, grazie al quale potrai evitare qualunque genere di carenza.
In caso di dubbio, puoi naturalmente chiedere il parere del pediatra, che dopo un’accurata visita saprà sicuramente prescrivere la dieta più adatta a tuo figlio.

Vitamine ai neonati: le giuste quantità

Le vitamine servono non solo a prevenire diverse patologie, ma anche a proteggere il corretto equilibrio fisico del neonato.
Al fine di non commettere errori, il parere del pediatra è fondamentale poiché ogni bambino ha la sua storia e le sue caratteristiche che devono essere considerate.

Ad esempio, un bambino nato prematuramente avrà necessità diverse da uno nato regolarmente a fine gravidanza. Bambini che vivono in zone nordiche, dove l’esposizione al sole è inferiore rispetto ad altre zone del globo, ugualmente necessiteranno di un diverso apporto di vitamina D. Un’altra variabile potrebbe essere l’allattamento al seno o artificiale, ecc.

Il consiglio di un esperto è, pertanto, sempre da preferire.

Come evitare un eccesso di vitamine

A questo proposito, è bene tenere in considerazione il fatto che, sebbene le vitamine siano fondamentali, il bambino non deve assumerne una quantità eccessiva, poiché tale comportamento potrebbe dare origine a numerosi sintomi come irritabilità, allergie, asma e via discorrendo.
Devi sempre tenere a mente, ad esempio, che i bambini hanno bisogno di quantità decisamente inferiori rispetto a un adulto. Per questo motivo devi prestare attenzione alla sua dieta, in particolar modo agli alimenti energetici come cereali oppure snack.
La quantità giornaliera corretta, ancora una volta, deve essere stabilita dal pediatra e, ovviamente, va rispettata.

Vitamine per bambini Buona

Il marchio Buona, al fine di assicurare la miglior crescita al tuo bambino, ha sviluppato un vasto assortimento di integratori naturali disponibili in pratiche confezioni e dal gusto gradevole. Grazie ai formati con contagocce o alle bustine monodose granulari, così come i pratici flaconcini, gli integratori Buona possono essere facilmente proposti al bambino, anche disciolti nell’acqua, nel latte oppure nella pappa per un’assunzione rapida e soprattutto priva di sprechi.